Meetings

 

Our periodic Meetings take place in prestigious  venues with the participation of foreign ambassadors, top  representatives of institutions, top representatives of the business world   and with the participation of high profile speakers to discuss topical issues.

 

Our Meetings embrace the most significant themes in the economic, political, social and scientific worlds, with the leading actors and members in the various sectors following   an informal approach, confidential and direct, stimulating pragmatic reflections,  cultural exchanges, and aiming to create and consolidate ties of friendship among its members.


 

Displayed: 2018

Cultura e bollicine

18 December 2018 - Cultura e bollicine

Il 18 dicembre per scambiarci gli auguri prima delle festività, ci siamo ritrovati in uno degli oltre duemila siti archeologici del nostro Paese: le quindici arcate dell’acquedotto Aqua Virgo recentemente riemerse in occasione della costruzione dello store Rinascente e restaurate grazie alla lungimiranza e sensibilità culturale del Gruppo. 

Abbiamo avuto il privilegio di ascoltare il dotto, accattivante intervento del Prof. Louis Godart, Accademico dei Lincei, filologo e archeologo di fama internazionale, a lungo apprezzato Consigliere per il Patrimonio Artistico di due Presidenti della Repubblica. Il prof. Louis Godart in linea con la propria filosofia “...un reperto archeologico, è ammirato non solo per la sua intrinseca bellezza ma anche perché è lo specchio di un’epoca e appartiene a un ambiente culturale e storico particolare” ci ha brevemente intrattenuto sul Destino di Roma Imperiale.

Tra una tartina ed un bicchiere di bollicine, abbiamo avuto l’opportunità di approfondire la conoscenza di questa antichissima opera, dalla viva voce di chi ha contribuito al ritorno alla luce: l’Architetto Fiorenzo Boria - il direttore dei lavori di restauro – che ci ha intrattenuto piacevolmente con tante curiosità, e l’Ingegner Lorenzo Petrassi - il coordinatore delle indagini archeologiche – che simpaticamente ha voluto rappresentarci la sua visione della cultura.

 

Workshop - Il Mediterraneo Una visione per la stabilità

15 November 2018 - Workshop - Il Mediterraneo Una visione per la stabilità

L’evento che si è svolto il 15 novembre presso la Sala del Refettorio della Camera dei Deputati rappresenta l’inizio di un nuovo percorso nella nostra attività a beneficio dei soci: l’introduzione, accanto a temi specifici comunque di grande interesse, di temi relativi alle evoluzioni geostrategiche mondiali che hanno o avranno riflessi sul nostro paese e sulla società italiana, le aziende, le attività economiche. L’evento, propedeutico a molte iniziative già in cantiere per il nuovo anno, si è avvalso di relatori di grande esperienza e di spiccata conoscenza dei temi mediterranei e delle loro connessioni con l’Europa e con altre aree del mondo. Connessioni globali entro le quali l’Italia è immersa in ragione della propria posizione geostrategica.
Introdotta dall’ambasciatore Mario Boffo, coordinatore di Diplomatia per le Relazioni Diplomatiche, la conferenza ha visto poi l’intervento di Giancarlo Sestini, che rappresentò Diplomatia lo scorso luglio a Rabat a EUROMESCO, la riunione dei più importanti “think tank” competenti nei temi mediterranei, che ha sottolineato l’importanza di ricollegarsi alle valutazioni degli istituti strategici al fine di declinare quel pensiero nell’azione e nelle strategie della società civile e delle aziende economiche.
Si sono quindi succeduti al podio degli oratori l’ambasciatore del Marocco, Hassan Abouyoub; il Direttore della Cooperazione Internazionale per il Mediterraneo e Medio Oriente del MAE, Enrico Granara; il Direttore dell’Istituto di Studi Sociali del Mediterraneo del CNR, Salvatore Capasso; il Direttore della Rete Italiana per il Dialogo Euro-Mediterraneo, Enrico Molinaro.
Il Mediterraneo è una regione attraversata da gravi crisi di stabilità e sicurezza. Eppure rappresenta ancora oggi la principale potenziale area di interesse economico per l’Europa e per l’Italia. Tale potenzialità è certo ostacolata dalle crisi e dall’instabilità in atto. Ma anche dall’avvento nella regione di attori geostrategici estranei all’area, come Russia, Cina, Iran, oppure dall’attivismo di attori mediterranei tradizionali animati tuttavia da un rinnovato attivismo.
Tuttavia, e pur condannando gli errori del passato, la cooperazione nel Mediterraneo, fra paesi della sponda nord e paesi della sponda sud, è più che mai necessaria, per ragioni immediatamente comprensibili: perseguire la stabilità e la sicurezza politica, sociale ed economica; intraprendere nuove vie di collaborazione economica nel reciproco beneficio; gestire i movimenti migratori in modo da farne una risorsa per tutti, piuttosto che un elemento di turbamento sociale; valorizzare le opportunità immense che bagnano le rispettive sponde; evitare che il Mediterraneo sia sottratto ai paesi mediterranei da altre potenze che vengono da lontano.
Quindi, non si tratta solo e semplicemente di favorire i commerci e gli investimenti, e magari avviare cooperazioni sui prodotti agricoli, che sono speculari fra i paesi del nordafrica e i paesi europei della sponda mediterranea. Si tratta – e sempre più si tratterà – di temi strategici che se non saranno affidati a una gestione cooperativa, inclusiva e di buona visione prospettica, renderanno certo molto difficile la vita sociale ed economica dei nostri paesi. Si tratta di scambi energetici, reti di distribuzione dell’energia, reti logistiche che mettano insieme porti, vie marittime e vie terrestri, protezione della qualità dei prodotti agro-alimentari. E tutto questo non potrà esprimersi in assenza di stabilità e coordinamento delle politiche.
Una questione fondamentale per poter avviare una visione prospettica sul futuro della regione è quella della formazione e dell’istruzione. Questo ha certo una valenza di tipo professionale, perché senza addetti, tecnici, imprenditori, nessuna evoluzione economica positiva potrà liberamente fluire. Ma ha anche una valenza civica, affinché, pur nel rispetto delle diverse culture, si diffonda nel Mediterraneo un complesso di valori e conoscenze condivise, non solo professionali ed economiche, ma anche afferenti alle necessità della coesistenza e della cooperazione fra popoli che hanno interessi strategici ed economici comuni. Al margine dell’evento è stato stabilito un contatto con la Regione Siciliana, nell’occasione rappresentata dal dottor Vincenzo Falgares, Dirigente Generale del Dipartimento Programmazione della Regione Siciliana, con la quale Diplomatia potrebbe presto collaborare per una nuova iniziativa mediterranea.

 

Location: Camera dei Deputati - Sala del Refettorio

 

Relatori:

Hassan Abouyub, Ambasciatore del Marocco
Giancarlo Sestini, CEO Mediterranea - Socio 
Mario Boffo, Project leader del Think Tank 
Enrico Granara, Direttore Mediterraneo e Medio Oriente del MAECI
Enrico Molinaro, Segretario Generale della Rete Italiana di Dialogo Euro-mediterraneo – RIDE
Salvatore Capasso, Direttore dell’Istituto di Studi sulle Società del Mediterraneo - ISSM, del CNR
 

 

Workshop - Agenda 2030: Focus sugli obiettivi #2 (Fame zero) e #17 (Partnership)

07 November 2018 - Workshop - Agenda 2030: Focus sugli obiettivi #2 (Fame zero) e #17 (Partnership)

In occasione della giornata mondiale dell'alimentazione, una ricorrenza che si celebra ogni anno in tutto il mondo il 16 ottobre, Diplomatia ha organizzato un incontro presso il Centro Studi Americani, focalizzato su “FAME ZERO” Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile: il secondo dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, che sono supportati da tutte le sue Organizzazioni.
L’evento è stato organizzato in collaborazione con il World Food Programme Italia, che è in prima linea per il contrasto alla povertà.
Secondo il rapporto Onu il fenomeno della malnutrizione è ritornato ai livelli di un decennio fa.
821 milioni di persone non hanno accesso a sufficienti quantità di cibo. E le persone in sovrappeso sono salite a 672 milioni.
Secondo il Professor Gian Paolo Cesaretti, rappresentante dell’ASVIS per l’obiettivo 2, il sistema agricolo e nutrizionale italiano migliora, ma deve diventare circolare, contrastare la povertà alimentare e rafforzare la collaborazione del mondo della ricerca con gli operatori locali. In Italia aumenta la superficie agricola dedicata alle coltivazioni biologiche e migliorano la produttività e la redditività delle piccole aziende agricole.

Grazie anche alla dieta Mediterranea, afferma il prof. Pietro Migliaccio, negli ultimi due anni in Italia l’impatto del sistema alimentare sulla salute è stato positivo ed ha condotto ad una diminuzione della popolazione in sovrappeso.
Le partnership multi-stakeholder possono mobilitare risorse importanti per raggiungere il Goal 2 dell’Agenda 2030, ma servono adeguati meccanismi di governance, afferma Ilaria Schibba, Partership Officer del WFP.
La vera sfida da affrontare per raggiungere la sicurezza alimentare e migliorare la nutrizione, quindi, non è tanto quella di individuare risorse addizionali, ma di migliorare il targeting di quelle già messe in campo e potenziare il coordinamento dei partenariati multi-stakeholder che operano nel campo.
Tra queste partnership con il World Food Programme, Unilever si caratterizza per l’impegno nel sociale, esprimendo concretamente il modello di business sostenibile in grado di guidare la crescita aziendale. Nel nostro modello, ha affermato Fulvio Guarnieri, Presidente di Unilever Italia, le aziende svolgono sempre più spesso un ruolo fondamentale nel supportare iniziative che promuovano consumi responsabili.
Il workshop è stato introdotto dal nostro socio Prof. Vincenzo Sanasi d’Arpe Presidente del WPF Italia. Valerio De Luca, con il consueto garbo, ha coordinato gli interventi e le domande che il numeroso pubblico ha rivolto agli speakers.

 

Location: Centro Studi Americani

 

Relatori:
Vincenzo Sanasi d’Arpe, Presidente WFP Italia
Fulvio Guarneri, Presidente Unilever Italia
Pietro A. Migliaccio, Presidente Emerito della Società Italiana Scienza dell’Alimentazione
Gian Paolo Cesaretti, Presidente Fondazione Simone Cesaretti, Coordinatore “Goal 2” ASviS
Ilaria Schibba, Partnerships Officer, Nutrition Division, WFP

 

Criminalità organizzata - Sfide future

27 September 2018 - Criminalità organizzata - Sfide future

L’incontro organizzato unitamente all’Ambasciatore del Regno del Belgio S.E. Frank Carruet, si è svolto presso la sua residenza nella storica Via di San Teodoro, strada che corre sotto le pendici del colle Palatino dai Fori Imperiali al Circo Massimo. Dalle finestre della residenza, il Palazzo Viggiano, realizzato dall’architetto Broggi ai primi del ‘900, si possono godere scorci suggestivi che le vestigia dell’Impero Romano possono ancora regalare.
La conferenza si è proposta di approfondire la comprensione del modus operandi e di condividere le buone pratiche messe in campo dai diversi soggetti impegnati nella prevenzione e nella lotta della criminalità organizzata a livello europeo e globale.
Come contrastare la criminalità organizzata nel futuro? Come contrastare l’espansione delle mafie, l’ibridazione sempre crescente che emerge dai collegamenti con il terrorismo, il traffico di migranti e la cyber criminalità? Quali sono le priorità per il futuro?
Si sono confrontati i maggiori competenti del tema italiani e belgi, a partire dal Vice Primo Ministro e Ministro dell’Interno Belga Jan Jambon; l’omologo italiano, il Ministro Matteo Salvini, ha dovuto rinunciare alla sua presenza a causa di impegni di governo (a Palazzo Chigi in quelle ore si discuteva del DEF) ed ha delegato a rappresentarlo il Sottosegretario Stefano Candiani.
Hanno poi affrontato l’argomento da diverse angolazioni gli altri speakers selezionati da Frank Debusschere, Ufficiale di Collegamento dell’Ambasciata belga. Al microfono si sono avvicendati il Dott. Frédéric Van Leeuw Procuratore Federale del Belgio in rappresentanza del Ministro di Giustizia, il Generale Giuseppe Governale Direttore della DIA, il Dott. Arije Antinori Professore di Criminologia dell’Università La Sapienza, il Dott. Francois Farcy Primo Commissario Capo della Polizia Federale Belga e Direttore della Polizia Giudiziaria di Mons-Tournai.
Sold out la platea, cordiale l’accoglienza della padrona di casa, raffinato il menù della cena che ha fatto seguito alla conferenza.

 

Location: Residenza Ambasciatore del Regno del Belgio


Relatori:
Jan Jambon Vice Primo Ministro e Ministro dell’Interno
Stefano Candiani Sottosegretario Ministero dell’Interno
Frédéric Van Leeuw Procuratore Federale del Belgio in rappresentanza del Ministro di Giustizia
Generale Giuseppe Governale Direttore DIA
Arije Antinori Professore di Criminologia e Sociologia della Devianza Università
La Sapienza
Francois Farcy Primo Commissario Capo della Polizia Federale Belga e Direttore della
Polizia Giudiziaria di Mons-Tournai

 

Artificial intelligence. Algorithm ethics and data protection. What future for man?

19 June 2018 - Artificial intelligence. Algorithm ethics and data protection. What future for man?

When we decided to promote an event on Artificial Intelligence, it seemed natural to involve the Ambassador of Japan Keiichi Katakami who immediately declared himself available to host the meeting at his residence, the splendid Villa inside the Egerio Park.
On June 19, after the introduction of the diplomat of the Rising Sun, which has emphasized the goal of his country to "create a 5.0 society, where innovation helps to achieve a balance between economic progress and social issues, following an approach focused on the human person ", Stefano Crisci, Stefano Quintarelli and Walter Ruffinoni discussed each other.
The authoritative speakers were masterly presented by Elena Di Giovanni, member of our Board and co-founder of Comin & Partner. Elena, together with her collaborators, contributed decisively to the realization of the meeting.
Crisci, professor of Market Regulation at the La Sapienza University of Rome, invited the audience to reflect on the legal issues that are raised by the huge amount of data we have today and which are continually processed by artificial intelligence (AI) through the "machine learning. "Who governs them? Who makes them move? The attention - he explained - must focus on the algorithm and the balance that must be found between regulation and freedom of private initiative ".
Stefano Quintarelli has placed an emphasis on ethical component, an element that must necessarily be at the base of the data processing algorithms and programming.
Quintarelli, an IT expert and blogger, was recently selected by the European Commission in the expert task force, which by mid-2019 will have to develop a series of recommendations on the principles to be followed for the development of artificial intelligence.
Walter Ruffinoni, the manager at the head of the Italian branch of the Japanese communications giant, NTT, spoke about his personal experience after many trips to the Asian country and underlined how Japan has faced the challenge deriving from the new relationship between man and machine .
Ruffinoni explained how robotics, big data, the cloud and social networks make it possible to do business achieving results unthinkable a few years ago and how to use them profitably in the Italian reality, creating jobs and wealth.
Spectacular trays of tasty sushi were the setting for the pleasant reception that the host offered to the guests at the end of the event.


Location: residence of the Ambassador of Japan


The speakers were:
Stefano Crisci Professor of Market Regulation at La Sapienza University
Stefano Quintarelli Technology Entrepreneur
Walter Ruffinoni CEO of NTT Data Italia

 

Agriculture and food are central factors of sustainable development

23 May 2018 - Agriculture and food are central factors of sustainable development

Arguments to the theme of sustainability are certainly agriculture and food, factors on which the survival and wellbeing of the peoples depend.
Production, new technologies, use and recycling of water, renewable energy at the service of agriculture, are fundamental elements of environmental and human sustainability and of the circular economy.
In collaboration with the Embassy of Romania and Assicurazioni Generali, Diplomatia has promoted an event on this topic which will be attended by important actors in the agricultural and food sector and numerous other interlocutors of interest.
In addition to the landlord, the Ambassador of Romania George Bologan, Giancarlo Fancel, President of Genagricola, took part in the panel; Paolo Cuccia, President of the Gambero Rosso; Federico Grazioli, President of Agriconsulting; Enrico Giovannini, Spokesperson of the Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS), the promoter of the Sustainability Festival.
In fact, our event has been included among the numerous initiatives within the Festival - in its second edition - which took place on the national territory from 22 May to 7 June with the aim of spreading the culture of sustainability and mobilizing Italy for the implementation of the 2030 Agenda.


Location: Embassy of Romania

 

They intervened:
George Bologan Ambassador of Romania
Giancarlo Fancel President of Genagricola
Paolo Cuccia President of Gambero Rosso
Federico Grazioli President of Agriconsulting
Enrico Giovannini Spokesperson for the Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS)

 

 

Sustainable investments in Vietnam

12 April 2018 - Sustainable investments in Vietnam

In the framework of 45 years of diplomatic relations between Italy and Vietnam, we have planned a workshop to allow our members to study and reflect on one of the ASEAN member countries.
Vietnam is one of the Asian countries that can boast among the greatest economic growth in the world in recent years, with a constant of over 5%. The population of Vietnam is constantly increasing, consequently the market and consumption are in sharp expansion thanks to internal demand.
There is ever more attention to foreign products, especially from Western countries, and the government, in the face of this development and the new needs of the country, has started programs to encourage foreign investment.
Ambassador Cao Chinh Thien faced an entrepreneur, Matteo Colaninno, Deputy Chairman of the Piaggio Group. The well-known Italian brand, in line with its internationalization process, entered the Vietnamese market in June 2009, and in March 2012 the Hanoi plant was inaugurated, an example of quality and excellence, an international best-case. Over 600,000 vehicles have been produced in the Hanoi plant over five years. Institutional, the other interlocutor, the General Manager of the Foreign Ministry Country System, Vincenzo De Luca, a diplomat who has long worked in the public and private sectors for the internationalization of the economic system, both at the central offices, and as a Diplomatic Advisor to the Ministries of Industry, Transport and Economic Development.


Thanks to Francesco Ago, Studio Chiomenti has made its representative office available at Palazzo Orsini.
The eighteenth-century mansion, built above the Teatro Marcello, was the setting for the evening.


Location: Palazzo Orsini

 

They intervened:

Cao Chinh Thien Ambassador of Vietnam
Matteo Colaninno Deputy Chairman of the Piaggio Group.
Vincenzo De Luca General Director of the Italian Ministry of Foreign Affairs System

 

Prima edizione del premio Diplomatia a Villa Madama

19 March 2018 - Prima edizione del premio Diplomatia a Villa Madama

Il “Premio Diplomatia 2018”, alla sua prima edizione, è stato conferito ieri 19 marzo al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, all’Ambasciata di Francia in Italia e a Fincantieri nel corso della serata svoltasi nella Loggia di Raffaello di Villa Madama. L’iniziativa, patrocinata dal Ministero degli Esteri, si è aperta con l’intervento del Ministro Angelino Alfano, che ha riconosciuto il costante impegno di Diplomatia a favore del confronto tra le istituzioni e la società civile.“L’Italia è una vera superpotenza della Cultura. L’attitudine al dialogo, l’approccio rispettoso delle diverse identità culturali, la naturale vocazione per il pluralismo sono gli elementi alla base della nostra diplomazia culturale e in generale dell’azione diplomatica italiana”. Ha sottolineato il Ministro degli Esteri di fronte ad una numerosa platea.



19 marzo 2018
Location: Villa Madama

 

Fintech, Green Economy e Sostenibilita

06 February 2018 - Fintech, Green Economy e Sostenibilita

Molti nostri associati hanno chiesto da tempo di approfondire l’argomento Fintech ed è per questo che abbiamo invitato a parlarne i massimi esperti del tema. Infatti sul “palcoscenico” sedevano Pietro Sella, uomo di banca per ragioni familiari ma di formazione ingegneristica e interessato alle startup, che ha promosso il primo Fintech District italiano che ha sede a Milano; Fabrizio Pagani Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Padoan, che è l’esperto di Fintech in seno al MEF.
Era con loro Marco Margheri, Direttore degli Affari Istituzionali di Edison, in veste di padrone di casa.
Pagani ha sottolineato che la legge di bilancio ha chiarito alcuni elementi di incertezza sul trattamento fiscale di determinate operazioni di fintech.
Sella ha descritto gli effetti della tecnologia sulle intermediazioni finanziarie con il linguaggio imprenditoriale di chi ci lavora da oltre vent’anni.
Numerosi gli interventi da parte del pubblico, in particolare da segnalare quello dell’Ambasciatore d’Israele Sachs che ha posto l’accento su come l’era-tech determini cambiamenti epocali dell’economia.

06 febbraio 2018
Location: sede Edison

Sono intervenuti:
Pietro Sella
Fabrizio Pagani Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Padoan
Marco Margheri, Direttore degli Affari Istituzionali di Edison

 

Il futuro delle banche tra regole e innovazioni

31 January 2018 - Il futuro delle banche tra regole e innovazioni

Il primo appuntamento dell’anno è stato particolarmente stimolante ed ha offerto importanti spunti di riflessione su temi di grande attualità affrontanti da due leader del nostro sistema bancario: il Direttore Generale di Banca d’Italia Salvatore Rossi ed il Presidente di Intesa Sanpaolo Gian Maria Gros-Pietro. I loro interventi sono stati introdotti da Gioacchino Amato, Legal Senior Manager in PricewaterhouseCooper TLS, nostro associato.
Dall’incontro sono scaturiti interessanti proiezioni sulle nuove strategie messe a punto dal sistema bancario per accrescere la competitività, adeguando progressivamente i livelli organizzativi alla nuove esigenze, puntando soprattutto sul potenziamento dei sistemi informativi.
Gli interventi dei relatori hanno stimolato notevolmente l’interesse del numeroso pubblico e soltanto per il tardo orario, Valerio De Luca coordinatore dell’incontro, ha dovuto porre fine alle domande degli ospiti.
Ancora una volta Diplomatia si è dimostrata un grande luogo di incontro e di dibattito.
La serata si è conclusa con un apprezzato dinner buffet che gli straordinari padroni di casa  – l’Ambasciatore di Svizzera Giancarlo Kessler e la sua deliziosa consorte – hanno voluto offrire agli intervenuti.

31 gennaio 2018
Ambasciata Svizzera

Ospiti d'onore: Salvatore Rossi, Direttore Generale di Banca d’Italia; Gian Maria Gros-Pietro, Presidente di Intesa Sanpaolo

Sono intervenuti:
Gioacchino Amato, Legal Senior Manager in PricewaterhouseCooper TLS.

 

 

via Sicilia, 154 - 00187 Roma - e-mail:segreteria@diplomatia.it - Tel. +39.06.42020028  +39.329.4337910 - P.IVA 04936921008 - C.F. 97108390580